Spagnolo Inglese Francese Tedesco Italiano Portoghese Russian

(Traduzione automatica)

Strade e trasporti europei e spagnoli nel contesto degli anni 'XNUMX (e II)

Tariq BERMEJO FREIRE
Ingegnere civile, canali e porti

SOMMARIO

Questo lavoro è pubblicato in due parti. Il secondo di essi è presentato di seguito, il primo essendo stato inserito nel numero di gennaio-aprile 2019 (nº 223) della Rivista autostrade.

Gli anni 'XNUMX sono una fase di grande sviluppo nei trasporti, conseguenza della generalizzazione dell'uso di grandi mezzi pesanti, che unisce bassi costi e accessibilità. I camion iniziano ad essere una vera e propria competizione per la ferrovia, che perde quota, viste le prime chiusure di linee non redditizie. In Europa è iniziata la ricostruzione della viabilità, riprendendo l'idea degli anni Trenta per costruire autostrade, mettendo in luce Germania e Italia, che hanno proseguito con questa politica stradale, i cui fruttiferi risultati si cominciarono a vedere già alla fine del decennio e negli anni sessanta. Le strade spagnole hanno iniziato a dare segni di miglioramento dopo l'approvazione del Piano di ammodernamento, con adeguamenti di alcuni percorsi e lavori agli accessi alle principali città. Con l'aumento del traffico si è manifestata la necessità di un nuovo piano, costringendo il Governo in generale, e il Ministro dei Lavori pubblici in particolare, ad agire in modo indelebile per risolvere il problema. Allo stesso modo, la motorizzazione raggiunge la Spagna, con l'emergere di numerose aziende che hanno iniziato a soddisfare i desideri degli utenti e le esigenze del paese.

PAROLE CHIAVE

Ricostruzione, motorizzazione, piano di modernizzazione, traffico, rete stradale, storia, trasporti.

Spagnolo Strada Association
Goya, 23 - 4º destro.
28001 - MADRID (Spagna)
Tel.: (34) 91 5779972
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Vedi la politica sui cookie