Spagnolo Inglese Francese Tedesco Italiano Portoghese Russian

(Traduzione automatica)

I passi dei Pirenei sono vicine al collasso

Passi dei Pirenei sono vicine al collasso

L'attuale tasso di crescita del traffico stradale tra Spagna e Francia causerà grossi problemi in reti stradali dei due paesi in pochi anni

Secondo l'ispano-francese traffico Osservatorio nei Pirenei, negli ultimi dieci anni la strada catturato l'82% di aumento di merci tra la penisola iberica e il resto d'Europa

Madrid, Ottobre 9 2002.- Negli ultimi dieci anni sono quasi raddoppiati commercio nella penisola iberica (Spagna e Portogallo) con il resto della Comunità europea, con la modalità di strada che ha assorbito la maggior parte di questa crescita, 80%.

Se questa tendenza continua, e tutto indica che, almeno, mantendrá-, i passi dei Pirenei saranno crollati entro pochi anni. In questa conclusione inquietante arriva un recente rapporto della Hispano-Francese traffico Osservatorio nei Pirenei (OTP), un organismo creato dalle risoluzioni adottate in occasione del vertice di La Rochelle (1998) tra il Ministero dello Sviluppo di Spagna e della Ministère Equipement des Transports de l'et du Logement de France.

Nel corso degli anni 1991 al 2000, il volume delle merci trasportate tra la penisola iberica e il resto d'Europa è stata aumentata in tutte le modalità: la strada in un 140%, trasporto uno 41% e la stazione uno 32%. In questo contesto, la strada appare come il modo dominante, con 52% della quota di mercato, mentre il trasporto possiede 43%, e il restante 5 ferroviario%.

Anche per l'anno 2000 attraversato il confine dei Pirenei, con le sue diverse fasi, alcuni veicoli pesanti al giorno 17.000, 6.000 più di quelli che transitavano tra la Francia e la Svizzera verso l'Italia attraverso le Alpi.

Le regioni peninsulari che generano un aumento del traffico di merci su strada in Francia sono la Catalogna ei Paesi Baschi, seguita da Valencia e Andalusia. Sul versante francese, sono le regioni dei Pirenei (Aquitania, Linguadoca-Rossiglione e Midi-Pirenei) da cui proviene la maggior parte del traffico merci dalla strada alla penisola iberica e le isole di Francia, Rhone-Alpes e Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Inoltre, molte regioni europee generano il movimento di merci su strada per la penisola iberica attraverso la Francia come il tedesco Westfalia, Baden-Wurtemberg e la Baviera, e le regioni del Nord Italia.

Dalla Spagna, gli scambi di beni verso il resto d'Europa dal confine Pirenei tendono ad essere destinato Westfalia, Lombardia, Baden-Würtemberg, la Gran Bretagna e regioni dei Paesi Bassi e del Belgio.

Attualmente, ci sono sei percorsi stradali attraverso i Pirenei abitualmente utilizzati dai veicoli pesanti:

Donostia - San Sebastián - Irun (A-8) / Hendaye (Biriatou) - Bayonne (A-63)
Pamplona - Roncisvalle (N-135) / St. Jean Pied-de-Port - Orthez (D-933)
Huesca - Somport (N-330) / Somport - Pau (N-134)
Lleida - Vielha (N-230) / Fos - MONTREJEAU (N-125)
Barcellona - Puigcerdà (A-18 + C-N-16 260 +) / Bourg-Madame - Toulouse (N-20)
Barcellona - La Jonquera (A-7) / Le Boulou - Perpignan (A-9)

Tuttavia, più di 90% del traffico transpirenaico è concentrata nei due passaggi costiere, Irun e La Junquera, il traffico irrilevante attualmente convogliati attraverso il resto di passaggi interni dei Pirenei.

Nei suoi tre anni di attività, l'ispano-francese traffico Osservatorio sui Pirenei potrebbe quindi confermare il ruolo dominante della strada in relazioni commerciali su entrambi i lati dei Pirenei e il traffico merci attraverso stagnanti della modalità marittimi ferroviari e.

Le previsioni più ottimistiche punto ente bilaterale ad un analogo a quello registrato negli ultimi nove anni, durante i quali il modo di strada ha catturato l'evoluzione 82% della crescita del commercio, modalità di spedizione il 16% e ferroviario 2% .

Inoltre, nei prossimi due decenni, e nel contesto di un'Unione europea allargata, si prevede il raddoppio del volume delle merci trasportate e, di conseguenza, essere una necessità di ridistribuire tra i 100 e 120 milioni di tonnellate supplementari.


"Road to una nuova geografia. L'integrazione di uno spazio unico europeo"

Con questo motto, Settimana XXIV Strada, V National Highway, approfondire, il prossimo 14 18 a ottobre a Pamplona (Navarra), nelle materie di cui sopra.

esperti arrivati ​​da tutto il paese, e tecnici provenienti da Francia, Portogallo e Marocco, e la Commissione europea, affronteranno la nuova configurazione della road map in ambito europeo, con particolare attenzione alle comunicazioni transfrontaliere e, in particolare, la situazione attuale e futura dei passi dei Pirenei.

In questo senso, il dibattito avrà tutti gli ingredienti necessari per comprendere e trovare soluzioni ai cocktail Transpirenaica "permeabilità". Da un lato, vista europeo, la barriera orografica per salvare decongestionare le estremità, a seconda delle esigenze di mobilità dell'economia di un intero continente. Visione attraverso il iberica (Spagna e Portogallo), che prevede un miglioramento della rete stradale come un pilastro di accesso al mercato europeo in condizioni simili a quelli dei nostri partner della comunità competitività. Il gala, che entrano in gioco, ovviamente, diverso da preoccupazioni peninsulari. La visione della popolazione locale, ovviamente interessati ad essere accessibile ai turisti, ma anche per l'accesso ai servizi che sono ancora disperse. Per raggiungere una visione ecologica che esiste e non è trascurabile, e che dà la priorità alle esigenze dell'ambiente contro qualsiasi altra.

Il XXIV Settimana strada è organizzata dalla Strada Associazione Spagnola (AEC) promosso dal Dipartimento dei Lavori pubblici, dei trasporti e delle comunicazioni del governo della Navarra, il Ministero dello Sviluppo e del Ministero degli Interni, e la collaborazione Municipio di Pamplona, ​​Caja Navarra, Navarra business Building, l'Associazione Navarra di Imprese edili Lavori pubblici, la Camera di Commercio di Navarra, il Collegio di Ingegneria civile e delle porte e di testi tecnici di Navarra Engineers Association nazionali Produttori e derivati ​​Cales Spagna, e le società Brisa -portuguesa- e Agengoa Sainco -española- traffico.

Spagnolo Strada Association
Goya, 23 - 4º destro.
28001 - MADRID (Spagna)
Tel.: (34) 91 5779972
Fax: (34) 91 5766522
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Vedi la politica sui cookie