Spagnolo Inglese Francese Tedesco Italiano Portoghese Russian

(Traduzione automatica)

La storia della strada

Le strade di Spagna, nel XX secolo

curve strette, pendii ripidi e polvere marciapiede dato fuori entrambi i veicoli che passano pedoni e automobilisti potevano a malapena a stare in piedi. Così erano le strade all'inizio del ventesimo secolo. Per loro circolano carri e carri, carrozze e diligenze. Niente in quel momento ha il sospetto che, molto presto, queste strade diventano obsolete, e che l'intera società richiederebbe adattamento alle esigenze di un veloce e sofisticata guida del veicolo a motore.

All'inizio del XX secolo, le strade sono state progettate per il transito di carri e carri.È proprio nell'anno 1900 quando gli spagnoli contemplarono per la prima volta, stupiti, come circolassero per le strade delle loro città curiosi veicoli che non avevano bisogno dell'aiuto di animali per muoversi: l'auto. Ed è stato senza dubbio questo artefatto - quasi magico ai suoi inizi, così essenziale oggi - che ha determinato la storia delle strade, in Spagna e nel mondo. Queste pagine cercheranno di rivendicare l'evoluzione delle infrastrutture stradali dai loro progressi e carenze, dalle loro circostanze uniche e dai loro fatti differenti, ma sempre facendo affidamento su quell'amico inseparabile che ha condizionato e continuerà a condizionare il loro sviluppo.

Le invenzioni del XVIII secolo

Sebbene le strade in quanto tali non esistessero fino al XX secolo, non bisogna dimenticare che alcuni dei metodi moderni considerati sono stati scoperti alcuni secoli fa. Così, il Trattato legale e politico delle strade pubbliche e delle possadas, pubblicato nel 1755, parla già dell'uso dell'acqua vegetale, per "creare un terreno solido, che per l'heras dice Fray Miguel Agustín nella sua Agricoltura, è comodo da usare, e non È spregevole per le strade, è sapere che la terra frantumata e fatta di polvere viene impastata con alpechin de azeyte, e poi, quando è pronta, la pressa o la livella con un cilindro, alla fine la bullonò per cospargerla di alpechina; e altri , Dico, fai lo stesso con sangue di bue e azeyte "(...)

Il primo quarto di secolo. 1900 1925 da a:

Il XX secolo si apre in Spagna con una rete stradale di oltre 36.000 chilometri. Per lei che circola carri, carri, cavalli e ... automobili. Esattamente tre erano le uniche vetture registrate nel 1900 anno.

La guerra civile e le sue conseguenze. 1925 1950 da a:

La Spagna si trova in questo periodo come una potenza turistica, sostenuta da una grande ricchezza artistica e culturale. Le autorità sono consapevoli del fatto che essi dovrebbero promuovere tale turismo e, a tal fine, hanno da offrire ai viaggiatori una strada senza buche e polvere, un strade comode e sicure. La realtà era, però, diverso, dal momento che la guerra civile messo fine a tutti i piani di sviluppo su strada.

La Spagna di 600. 1950 1975 da a:

Per la prima volta, le difficoltà causate dalla guerra sembrano essere superate e la Spagna cerca di uscire dall'autarchia degli anni del dopoguerra. In 1952 le carte razionate sono soppresse e l'anno successivo viene firmato il Trattato per l'aiuto alla difesa economica e reciproca con gli Stati Uniti. Dopo un periodo di isolamento internazionale, arrivano anche dollari in Spagna, che ottiene persino la sua appartenenza all'Organizzazione delle Nazioni Unite in 1955. Qualche anno prima, in 1950, si è svolto un evento importante: è nata la Società Spagnola di Automobile del Turismo. il SEDE, la prima azienda automobilistica nazionale. Nel 1953 mise in vendita la sua prima vettura: la SEAT 1400, e alla fine degli anni Cinquanta circolavano più di 50 vetture di questo marchio. L'auto è già il mezzo di trasporto per eccellenza.

Le strade nell'era delle autostrade dell'informazione. 1975 2000 da a:

La fine del XX secolo è caratterizzata da eventi di vario genere: il trasferimento dei poteri alle comunità autonome, l'entrata della Spagna nella Comunità europea e l'emergere di Internet e lo sviluppo di nuove tecnologie di comunicazione sono alcuni di loro.

L'entrata della Spagna nella Comunità europea è una nuova sfida per la rete stradale nazionale.Gli investimenti in strade seguirà gli alti e bassi dell'economia: nella prima parte di questo periodo, una nuova crisi petrolifera ha causato il calo degli investimenti e tasso di crescita del parco auto. A metà 80, e il governo socialista di Felipe González, il nuovo Piano Highway riceve una spinta importante, che è rinforzato con l'ingresso della Spagna nella Comunità Europea, oggi Unione europea.

Bibliografia:

  • Storia delle strade della Spagna. Volume II. XIX e XX secolo, Joseph L. Uriol Salcedo.
  • Le strade della storia della Spagna, Gonzalo Menendez Pidal.
  • Autostrade Madrid-Valencia e Valencia-Xativa (1925-1936) di Francisco Javier Rodriguez Lazaro e Jose Maria Menendez.
  • Ieri e oggi i segnali stradali.
  • magazine Autostrade, pubblicata dalla strada Associazione spagnola. Diversi numeri.
  • 50 anni della Via della Associazione spagnola.
  • Trattato giuridica e politica di strade pubbliche e possadas. 1755.

Spagnolo Strada Association
Goya, 23 - 4º destro.
28001 - MADRID (Spagna)
Tel.: (34) 91 5779972
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Vedi la politica sui cookie